Palermo, Bellusci ai tifosi: “No fischi, siamo soli”

“Mi assumo le responsabilità ma non chiedo scusa nel pensiero. Non andiamo fischiati, siamo da soli e siamo fragili. Vanno fatti i complimenti a tutti, chiedo scusa nuovamente ma non lo tollero e anche se non c’è nessuna garanzia in società noi tutti andiamo elogiati. Bisogna aspettare il 15 per gli stipendi per il prospetto del futuro, che fino ad adesso non esiste, però il problema non è prendere o meno lo stipendio, ma conoscere il progetto. Noi tutti siamo con il direttore e l’allenatore, gli unici che vanno incoraggiati. Ci dovete dare una mano, combattiamo assieme per la Serie A”, queste le parole del difensore del Palermo.